HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Il contratto di lavoro part-time.
di Erminia Acri  ( erminia.acri@lastradaweb.it )

3 ottobre 2006

Il lavoratore part-time ha gli stessi diritti del lavoratore a tempo pieno?


Il contratto di lavoro a tempo parziale (part-time) è una tipologia di lavoro a orario ridotto, che si svolge con modi e tempi prefissati e che può essere instaurata sia nei rapporti di lavoro a tempo indeterminato che determinato.


    Esistono tre tipologie di contratto part-time:

  • Orizzontale: se l’attività è prestata in tutti i giorni lavorativi con orario ridotto. Es: 4 ore x 5 giorni lavorativi.

  • Verticale: se l’attività è prestata solo in alcuni giorni della settimana con orario pieno. Es: 3 giorni pieni a settimana.

  • Misto: è una combinazione delle altre due tipologie.


E’ un contratto individuale, stipulato in forma scritta, che deve contenere l’indicazione della durata della prestazione lavorativa e l’orario di lavoro (con riferimento al giorno, alla settimana, al mese e all’anno).


A seguito delle novità introdotte dal Decreto Legislativo n.276/2003, non è più obbligatorio stabilire nel singolo contratto il limite massimo di ore di lavoro supplementare effettuabili al giorno o nell’anno, le causali obiettive e i provvedimenti per il superamento, per le quali è ammesso il ricorso al lavoro supplementare. Per la definizione di questi profili si rinvia al contratto collettivo nazionale, ove da esso contemplati.

Il
lavoratore part-time gode di un trattamento differenziato rispetto al lavoratore a tempo pieno inquadrato nello stesso livello contrattuale.

La retribuzione del lavoratore part-time è proporzionata alle ore di lavoro prestate, ma non può essere meno favorevole a quella del dipendente di pari qualifica. Anche gli altri diritti del lavoratore a tempo pieno, vengono proporzionati all’orario di lavoro del lavoratore a tempo parziale (periodo di prova, ferie, tutela della salute e sicurezza, diritti sindacali, maternità, malattia, infortunio e malattia professionale e trattamento previdenziale).


La disciplina degli assegni per il nucleo familiare è estesa anche ai lavoratori con contratto part-time: l’assegno spetta nella misura intera (cioè sei assegni giornalieri nella settimana) se la prestazione lavorativa settimanale è di durata non inferiore alle 24 ore; altrimenti, se la prestazione è di durata inferiore a 24 ore settimanali, spettano tanti assegni giornalieri quante sono le giornate di lavoro effettivamente prestate, qualunque sia il numero delle ore lavorate nella giornata.


I contributi previdenziali sono calcolati sulla retribuzione imponibile effettivamente corrisposta e, comunque, non inferiore al minimale fissato per legge, che si calcola nel seguente modo: il minimale giornaliero, fissato per i lavoratori a tempo pieno, va moltiplicato per il numero dei giorni della settimana in cui si svolge il normale orario di lavoro e successivamente diviso per le ore settimanali previste dal contratto, sempre con riferimento ai lavoratori a tempo pieno; il risultato ottenuto è il minimale orario, che deve essere moltiplicato per le ore effettivamente lavorate nel mese dal lavoratore a tempo parziale per poi confrontare il dato ottenuto con la retribuzione effettivamente percepita dal lavoratore. Se la retribuzione mensile pagata è superiore al minimale, è su quella che va calcolato il contributo da versare all´INPS; se la retribuzione è inferiore al minimale, i contributi previdenziali devono essere determinati comunque su quest’ultimo.


Ai fini del diritto alla pensione, i periodi di lavoro part-time vengono calcolati in misura piena, ma ai fini dell’importo della pensione il periodo a tempo parziale viene ridotto in proporzione all’orario effettivamente lavorato. Quindi, gli scatti di anzianità maturano per il part-time con le stesse cadenze previste per le prestazioni a tempo pieno e non dopo un periodo maggiore riproporzionato al minor orario, mentre il trattamento economico degli scatti è calcolato sulla base dello specifico orario di lavoro.


Per quanto riguarda il diritto alle ferie, nel part-time orizzontale la durata è la stessa prevista per i lavoratori a tempo pieno, nel part-time verticale o misto il lavoratore ha diritto a un numero di giorni di ferie proporzionato alle giornate di lavoro effettuate nel corso dell’anno.





Erminia Acri-Avvocato

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Controllo della velocitÓ e tutor.
La manovra finanziaria 2010-2013.
NovitÓ sulla patente a punti.
Guida al cellulare senza auricolare.
InidoneitÓ fisica sopravvenuta e licenziamento.
Lavori usuranti.
Anche la pubblica amministrazione, se sbaglia, deve pagare.
Questioni di identitÓ.
Contestazione immediata delle violazioni del codice della strada.
Multe legittime anche se notificate senza firma autografa dell’agente.
Multa e rimozione dell’auto illegittime.
Contestazione verbale infrazioni stradali.
Danno autoprovocato dall’alunno.
A proposito di fastivitÓ natalizie.....
Nulla la multa del vigile in borghese.
Quando l’autore di un’infrazione stradale non Ŕ identificato....
Eccesso di velocitÓ.
ResponsabilitÓ del medico e linee - guida degli ospedali.
Norme di circolazione stradale e mezzi di soccorso.
Prestazioni economiche invalidi civili.
DELLO STESSO AUTORE
La patente di guida vale come documento di riconoscimento.
Assegnazione posti auto nel cortile comune.
Il ruolo del socio accomandante nelle s.a.s.
Lesioni da caduta e risarcimento danni
Quesiti legali - Chi paga le spese condominiali?
Requisiti per iscriversi all’ordine dei giornalisti
LibertÓ di "parabolica" in condominio
Locazione commerciale: recesso anticipato dell’inquilino.
Indennizzo per infortunio sul lavoro o malattia professionale.
Quesiti legali-Cambiali scadute non pagate.
Quesiti legali- Contratti di manutenzione ascensore di lunga durata.
Quesiti legali-L’adulterio Ŕ un reato?
Cosa fare quando l’inquilino non se ne va?
Quesiti legali-Cassette postali e condominio.
Estinzione dell’obbligo di mantenimento del figlio maggiorenne.
Quesiti legali-Spese straordinarie e locazione.
Crediti condominiali e prescrizione.
Multa per un’automobile venduta.
Rapporto fra genitori e figli nel diritto di famiglia
Rumori molesti in condominio.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione