HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
In difesa del congiuntivo.
di Fausto Raso  ( albatr0s@libero.it )

4 febbraio 2019



Punto e basta.


Pubblicato su Lo SciacquaLingua

Si va sempre più affermando l’usanza deleteria - introdotta da qualche "notabile della lingua" - di sostituire il congiuntivo con l’indicativo, così (dice il "notabile") tutto si semplifica e i bambini (bontà sua) non trascorreranno le notti insonni per "capire" la differenza che intercorre tra i due modi del verbo; il problema in questo caso non si pone: l’indicativo, sempre! No, amico notabile, non ci siamo; se vuoi puoi anche scrivere "quore" con la "q" e zabaglione in luogo della forma corretta "zabaione", i tuoi accoliti non ti seguiranno, anzi... Non puoi pretendere, però, di fare scomparire un modo di un verbo che per secoli è stato adoperato per enunciare un fatto come incerto, possibile, sperato e del quale non si è sicuri, appunto, dell’esito; in contrapposizione all’indicativo che è il modo che esprime la certezza o la realtà constatata (o immaginata) nella nostra mente come tale.

Il congiuntivo, insomma, è il modo del dubbio, dell’incertezza, della speranza, della supposizione, di un augurio, di un ordine (l’augurio non possiamo sapere se si realizzerà; l’ordine non sappiamo se verrà eseguito). Il congiuntivo, quindi, come dice la stessa parola, è uno dei quattro modi finiti del verbo che indica l’azione come probabile e si adopera in dipendenza di una proposizione principale "congiungendo", appunto, due azioni o due stati: voglio che voi tutti "leggiate" quel romanzo (non si sa se lo leggeranno, per tanto il congiuntivo "leggiate" è d’obbligo). Il congiuntivo è, insomma, come lo definiscono i grammatici, "quel modo del verbo che esprime azione non ritenuta reale e certa, ma solo possibile". In considerazione di quanto detto, quindi, useremo - parlando e scrivendo - in presenza della congiunzione "che" il modo congiuntivo ogni volta che enunciamo un fatto come incerto, possibile, sperato: auguriamoci che la squadra bianca "batta" la squadra rossa. Poiché l’esito della gara delle due squadre è incerto, anche in questo caso il congiuntivo "batta" è d’obbligo. Da sottolineare, inoltre, il fatto che il congiuntivo presente si adopera, anzi si deve adoperare, indipendentemente e in una proposizione principale, quando è in "funzione volitiva": ognuno "dica" quel che vuole; che il Cielo vi "aiuti"; "cada" pure il mondo, non mi rivedrete più! In questi casi, gentili amici, provate a sostituire il congiuntivo con l’indicativo - secondo i consigli dei "notabili della lingua" - se le frasi vi "suonano", dimenticate quanto avete letto finora e accettate le scuse per la confusione di idee che le nostre modestissime parole vi hanno creato. Attenzione, però, a non abusare del congiuntivo. Nelle frasi tipo "ho sognato che ero sull’orlo di un baratro", non si può usare il congiuntivo e dire o scrivere "fossi": nel sogno il baratro era "reale", quindi va bene l’indicativo "ero". Non è "obbligatorio" l’uso del congiuntivo anche nel periodo ipotetico nei casi in cui manchi la "certezza", cioè con i tipi della probabilità e dell’irrealtà. In questi casi vanno benissimo un paio di indicativi imperfetti: se eri in casa ti telefonavo.

Abbiamo fatto questo esempio perché un insegnante ha considerato errore, da sottolineare con la matita blu, l’uso dell’indicativo imperfetto in un periodo ipotetico dell’irrealtà: no, caro professore, l’indicativo, in questo caso, non è stilisticamente "elegante" (e possiamo essere d’accordo con lei), ma neanche errato.

A cura di Fausto Raso


SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
A riveder le...bucce.
Fare... o essere...
Una scena strazievole.
I bagni penali.
Sostanza...
Soffiare il naso alle galline...
il nome del Papa...
Scrittori di... Vaglia.
È proprio un impiastro...
L’influenza...
Essere una Macchietta...
Farsi infinocchiare...
Una lingua senza il .
Promanare...
Il corretto uso di da.
Superlativo assoluto.
La compagnia...
Barbaro...
Roboante?
Andare in...
DELLO STESSO AUTORE
Capire l’antifona - Lettera F.
Essere in balia di qualcuno...
Superlativo assoluto.
Da dove deriva l’espressione...mangiare la foglia?
Trattare con i guanti gialli...
Camminare (o andare) a gallina...
Un’inutile ripetizione...
Il rompighiaccio...
Sbellicarsi dalle risa...
Capire l’antifona - Lettera E.
La carta assorbente...
Natale, Capodanno, Epifania...
Il plurale di Babbo Natale.
Il Mandarino...
Il Cristiano...
La virgoliera.
Il cicchetto.
Il pesce d’aprile.
Il regalo...
Composto "di"...
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di là del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e là - Curiosità
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunità e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione