HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Ombre...
di Maria Cipparrone  (  mariellacipparrone@libero.it )

1 dicembre 2018






Nel sottoscala del mio passato.


 

"Autostrada deserta...ai confini del mare...", mentre riecheggiano nella mia mente le parole di questa vecchia canzone di Antonello Venditti, rifletto sul fatto che la mia vita non è stata proprio lineare come un’autostrada. Dossi, cunette, salite, interruzioni, lavori in corso...eppure..."eppur si muove" qualcuno ha detto, ed io sono qui a gridarlo...

Ma cosa serve ad una vita per essere viva? Per caso solo gioie? Per caso una famiglia felice come quella del "Mulino Bianco", con bimbi che, vicino a mamme e papà, mangiano biscotti e frollini contenti? Per caso un amore che ti invade il cuore e ti toglie il respiro? No, la vita non ti pulsa dentro solo per questo..la vita è la vita, bella, brutta, a colori, in bianco e nero, di notte, di giorno, con il sole e con la pioggia...sempre e comunque..

Ma chi sono io per dirlo? Un essere umano come tanti altri, con la sua storia diversa ma allo stesso tempo uguale a tante altre, perché? Perché a parte un’infanzia cosiddetta difficile, un’adolescenza complicata, un padre innamorato, esageratamente geloso e possessivo, che ancora oggi soffre in silenzio se mi allontano, una madre ‘importante’ e apparentemente distante, che muta, quasi in punta di piedi, ha costruito il mio sicuro avvenire, non c’è nulla di diverso nella mia vita, che non sia stato già vissuto, se non fosse che sono qui a raccontarla..

Ho pianto, ho sofferto, ho temuto di essere dimenticata, presto, troppo presto, inghiottita da un dolore sordo, giovane ma antico, quasi bambino, come quando di notte cercavo la mano di mio padre per farmi compagnia e poi...cosa è accaduto? Ho guardato negli occhi il mio dolore, l’ho cercato, non sono scappata, l’ho attraversato senza voltarmi indietro, mi ha piegato ed ancora oggi, alcune volte come ora, mi trovo raggomitolata, avvinghiato a lui, come in una morsa senza scampo....

Ma io sono qui e ci resto, le ombre del mio passato mi cercano ed io mi faccio trovare, gli vado incontro, non corro via, tanto mi seguirebbero ovunque, ma non ho paura, sono parte di me, chiedono conto, vogliono sapere se mi libererò di loro, devo decidere, è venuto il momento, una volta per tutte dovrò farlo, ma che fatica!

Sono indecisa, sono sola, come quando anni addietro, in un giorno d’inverno entrai in una stanza fredda, bianca, con grosse luci al soffitto, che mi guardavano mentre io mi addormentavo senza voglia di farlo, con un buco nel cuore, con una voglia di gridare, no, vi prego, no, salvatelo, salvatemi e poi..dopo..il buio e dentro ci sono io, viva, ma senza me... dove sono stata questi anni, lontano, a tentare di dimenticare, ma...non credo si possa, voglio ricordare, voglio fare qualcosa per me, per lui....voglio trasformare il dolore in vita, voglio essere vicina quando tornerà...questa volta forse ci sarò...e sarà tutto diverso, la mia mente come una lavagna, dove scrivere di nuovo, daccapo la storia della mia vita.

M. C. (6 febbraio 2006)

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Storia dell’asinello sulla mongolfiera... e dell’aquila dalle piume d’argento.
Da donna a uomo...
Salvate il lupo.
Le aquile non volano in stormo.
Lo ZEN e L’arte del tiro con l’arco.
Uno - R. Bach
La storia di sempre.
Cioccolato.
Il vaso della maionese e i due caffč...
La coscienza del Penalista...
Dove s’infrangono i sogni...
PASQUA di Resurrezione...
Da un granello, un macigno.
Diario di un’adolescente attempata...
Ricominciare...
Lo psicanalista immaginario.
Ricordi.
Anche i Supereroi...
Il Purgatorio...
Al Mega.
DELLO STESSO AUTORE
Le parole difficili della lingua italiana - dalla lettera A alla lettera B -
Gli Errori della Lingua Italiana - A/H
Dura pił a lungo ma č ugualmente fresco!
Giuseppe Poggi Longostrevi: L’altra faccia della veritą.
le parole difficili della lingua italiana - dalla lettera D alla lettera E-
Dieci pensieri...
Ultime della settimana.
Un fantasma in cittą, ma č proprio vero?
Gelato. Come si riconosce quello doc?
Il diritto d’autore in Internet
Problemi con l’Artigiano - terza puntata -
Nuova TASSA sui RIFIUTI si paga in base a ciņ ed a quanto si rifiuta
Signori si nasce... Professori si diventa!
Ultime della settimana.
E le "catene" continuano...
I fratelli Bandiera fra Storia e Diritto
La tutela ambientale e le "maglie giudiziarie"
Ultime della settimana.
Disservizi postali.
Conciliazione ON LINE per le controversie dei consumatori
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lą del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lą - Curiositą
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunitą e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione