HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Vigilanza, attenzione, concentrazione e riflessione.
di Giorgio Marchese  ( direttore@lastradaweb.it )

27 ottobre 2017



Scopriamo la differenza!


 

Che differenza c’è tra vigilanza, attenzione, concentrazione e riflessione?

G. I.

La vigilanza è un processo psichico che precede l’attivazione dell’attenzione e, a differenza di quest’ultima, non prevede una curva di gestione con andamento a picchi ma ha un funzionamento piuttosto lineare. In pratica, la sua attivazione dura per tutte le ventiquattro ore della giornata, anche durante il sonno. Il prezzo di una simile dinamica consiste in una scarsa qualità discernitiva nei confronti di ciò che colpisce i nostri sensi. La vigilanza si estrinseca in modo prevalentemente inconsapevole e si adopera in forma costante ed automatica, per la salvaguardia della propria persona.

Esistono tre stadi di attivazione della vigilanza:

  • il primo, che risponde a stimoli subliminali;
  • il secondo, che consente la percezione di elementi a mo’ di ricordi sfumati, che riemergono dalla nostra memoria;
  • il terzo, che prevede la possibilità di percepire qualcosa anche se non la si consapevolizza (ad esempio, se qualcuno ci fissa con attenzione, anche se siamo di lato o di spalle, percepiamo le sue "onde elettromagnetiche" che ci colpiscono come un raggio laser, ma non consapevolizziamo altro).

L’attenzione è costituita da un’intensa attivazione dei sensi e della mente intorno a un determinato oggetto: in sostanza, rappresenta un’attività psichica indirizzata nei confronti di ciò che è significativamente motivazionale. Le funzioni dell’attenzione si determinano in "entrata", "elaborazione" e "uscita", sia per quanto riguarda il mondo interno che il mondo esterno: consente di captare messaggi che colpiscono i nostri sensi e di individuare, in memoria, gli elementi costitutivi delle idee.

L’attenzione può essere:

  • superficiale;
  • "eco" (consapevolizzazione in ritardo di ciò che si è percepito);
  • breve, intensa;
  • prolungata con brevi momenti di intensità;
  • prolungata in modo fluttuante;
  • prolungata intensamente.

La concentrazione rappresenta un intenso raccoglimento mentale, al riparo da disturbi esterni, su qualcosa di definito, per un breve periodo. A differenza dell’attenzione, che può essere rivolta verso più obiettivi e ha una durata flessibile in base alla sua intensità di attivazione (con una curva che può arrivare a superare anche il quarto d’ora di massima attivazione), la concentrazione può essere rivolta verso un solo obiettivo e dura pochi minuti perché fa sforzare la mente. Prevede, così come anche l’attenzione, cicli di attivazione ripetuta.

La dinamica della riflessione porta ad esaminare e valutare attentamente per assemblare idee, prelevando dati parcellari dal deposito della memoria. Questo meccanismo, coadiuvato da un collante definito tecnicamente collogica, si avvale dell’ausilio del concento quando l’attività riflette meccanismi razionalmente neutrergici e logici; in tutti gli altri casi (elaborati negativi e conflittuali) il collabimento degli elementi strutturali dell’idea avviene mediante l’intervento dell’intersecon.

Cosa succede durante la riflessione?

Si può "esplorare" un’idea per capirla al meglio.

Si può riprodurre un’idea rievocandola dalla memoria, per riviverla mediante l’immaginazione .

Si può rielaborare un’idea per metterla a confronto con altri messaggi e valutarne la possibile sostituzione.

La riflessione prevede tre periodi di impegno energetico che fanno la differenza fra un carattere impulsivo (primario) e riflessivo (secondario). Quando due o più idee vengono messe a confronto, si determina un concetto (nozione fondamentale che la mente si forma in riferimento di qualcosa, nel suo complesso). Può accadere, però, che le idee a confronto riguardino medesimi aspetti di una stessa valutazione: in tal caso, una prevarrà sull’altra sostituendola (in questo modo si cambiano le proprie convinzioni) oppure integrandola seguendo una modalità peculiare che prevede : scombussolamento, accomodamento e assestamento.

G. M. - Medico Psicoterapeuta (15 agosto 2013)

 

Quanto riportato in questo articolo tecnico, risulta dagli studi del ricercatore Giovanni Russo (medico psicoterapeuta) e dalle lezioni tenute nella Scuola di Specializzazione (SFPID di Roma) di cui è stato Fondatore e Direttore

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Ansia...
Quesiti - Banche e accesso al credito...
Quesiti - Le ossessioni.
Fobia e senso della realtà.
Quesiti - Il tradimento.
Quesiti - Identità e scelte sessuali: facciamo chiarezza.
Depressione e attacchi di panico.
Quesiti - Il controllo e la gestione dell’ansia.
Ansia acuta e cronica...
Quesiti - A proposito di coppia...
Quesiti - La psicoterapia
Quesiti - Genio si nasce?
Quando la tecnologia fa male ai ragazzi.
Come si gode una vacanza?
Perché non riusciamo a rilassarci?
Il carattere - 2
Come si tengono a bada le idee scorrette...
Quesiti - Emozioni intestinali.
Il carattere - 1°
Quesiti - Tre metri sopra il cielo...
DELLO STESSO AUTORE
Vivere...
Stress, lavoro e vita affettiva.
Perdersi, per poi ritrovarsi.
Tessuto Nervoso.
Come si rinnova l’amore?
Il nostro cervello...
L’angoscia esistenziale.
La paura del futuro.
La Presunzione...
La biochimica delle emozioni.
Quell’ignobile arte del MOBBING
Alle radici del Narcisismo...
Parkinson...
Quesiti - La deflorazione.
Il mondo delle emozioni.
Paura, autostima e sensi di colpa...
L’importanza di ridimensionare l’attaccamento ai beni materiali.
L’età della saggezza.
La solitudine.
Dal Sacro al profano...
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di là del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e là - Curiosità
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunità e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione