HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Deroghe ai criteri di ripartizione delle spese condominiali.
di Erminia Acri  ( erminia.acri@lastradaweb.it )

26 febbraio 2005

L'assemblea condominiale può decidere, a maggioranza, di derogare ai criteri legali di ripartizione delle spese?


Per il condominio, l’articolo 1123 codice civile stabilisce che le spese condominiali per il mantenimento ed il godimento delle parti comuni, devono essere ripartite in proporzione al valore della proprietà di ciascuno, mentre, con riguardo alle cose destinate a servire i condomini in misura diversa, le spese vanno ripartite in misura proporzionale all’uso.

Tuttavia, tale disciplina è, in linea di principio, derogabile, se v’è il consenso di tutti i condomini.

In proposito, poiché, nella realtà, è molto difficile che una delibera venga adottata all’unanimità dai condomini, ci si chiede se la delibera assunta a maggioranza dalla assemblea condominiale relativa alla ripartizione delle spese condominiali con criteri diversi da quelli legali, sia nulla o annullabile.

La differenza non è da poco, se si considera che la delibera annullabile deve essere impugnata nel termine di 30 giorni dall’approvazione della delibera stessa, per i condomini dissenzienti, dalla comunicazione della delibera per i condomini assenti (articolo 1137, ultimo comma, codice civile), a pena di decadenza; mentre, per impugnare la delibera nulla, non è previsto alcun limite di tempo.

La Corte di Cassazione, in più di un’occasione, ha avuto modo di precisare che, tra le delibere aventi ad oggetto la ripartizione delle spese comuni, occorre distinguere quelle con le quali sono stabiliti i criteri di ripartizione ai sensi dell’articolo 1123 codice civile, oppure sono modificati i criteri fissati in precedenza, per le quali è necessario, a pena di nullità, il consenso unanime dei condomini, da quelle con le quali, nell’esercizio delle attribuzioni previste dall’articolo 1135 numero 3 codice civile, l’assemblea in concreto ripartisce le spese medesime: solo queste ultime, se adottate in violazione dei criteri già stabiliti, devono considerarsi annullabili e la relativa impugnazione va proposta nel termine di decadenza di 30 giorni previsto dall’articolo 1137, ultimo comma, codice civile (Cass.civ. sentenze n.1455/95; n.1213/93; 4851/88; n.2301/01).

In ogni caso, comunque, non può essere considerata legittima la delibera maggioritaria in deroga ai criteri legali di ripartizione delle spese condominiali, anche se ’una tantum’.

Erminia Acri-Avvocato

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Conto corrente del condominio.
Danni derivanti da difetto di impermeabilizzazione del lastrico solare.
Furto in casa favorito da impalcature e ponteggi.
Condomino ’apparente’ ed amministratore
Infiltrazioni d’acqua e condensazioni.
Deroghe ai criteri di ripartizione delle spese condominiali.
Debiti condominiali.
Quesiti legali-Locazione di immobili e sicurezza.
Equa riparazione per un processo troppo lungo.
Spese condominiali controverse.
Criteri di ripartizione delle spese condominiali.
Spese comuni per manutenzione ascensore.
Caminetto e condominio.
Assegnazione posti auto nel cortile comune.
Antenne paraboliche.
Diritto di antenna e condominio.
Quando il singolo comproprietario anticipa le spese....
Grane condominiali - Responsabilitā penale dell’amministratore
Compravendita di immobile in condominio e nomina dell’amministratore.
La scelta dell’amministratore negli stabili di nuova costruzione.
DELLO STESSO AUTORE
Assegnazione posti auto nel cortile comune.
Il ruolo del socio accomandante nelle s.a.s.
La patente di guida vale come documento di riconoscimento.
Quesiti legali-Cassette postali e condominio.
Quesiti legali - Chi paga le spese condominiali?
Indennizzo per infortunio sul lavoro o malattia professionale.
Quesiti legali-L’adulterio č un reato?
Lesioni da caduta e risarcimento danni
Installazione tende da sole in edificio condominiale.
Cosa fare quando l’inquilino non se ne va?
Quesiti legali-Cambiali scadute non pagate.
Rapporto fra genitori e figli nel diritto di famiglia
Quesiti legali- Contratti di manutenzione ascensore di lunga durata.
Quesiti legali-Persone con disabilitā e parcheggio in area condominiale.
Libertā di "parabolica" in condominio
Infedeltā e separazione di fatto dal coniuge
Diritto al mantenimento del proprio cognome nell’adozione
Requisiti per iscriversi all’ordine dei giornalisti
Quesiti legali- Assegno e prescrizione.
Quesiti legali-Spese straordinarie e locazione.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lā del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lā - Curiositā
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunitā e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione