HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Infedeltà e separazione di fatto dal coniuge
di Erminia Acri  ( erminia.acri@lastradaweb.it )

21 agosto 2001

L'infedeltà successiva alla separazione di fatto dal coniuge non è motivo di addebitabilità della separazione giudiziale.

Infedeltà e separazione di fatto dal coniuge

Ciascun coniuge può chiedere al giudice che sia pronunciata la separazione giudiziale quando si siano verificati fatti che rendono intollerabile la vita coniugale. Il nostro legislatore, però, non individua specificamente i fatti da ritenere rilevanti ai fini della sentenza di separazione, e quindi la valutazione è effettuata dal giudice caso per caso.

Vasto è il panorama dei fatti che sono stati ritenuti giustificativi di una pronuncia di separazione, tra i quali, in particolare, i comportamenti contrari ai doveri derivanti dal matrimonio, come quello alla coabitazione, alla collaborazione e alla fedeltà.

Inoltre, gli atti contrari ai doveri nascenti dal matrimonio costituiscono presupposto per l’addebitabilità della separazione ad uno dei coniugi - se vi è un’espressa richiesta del coniuge incolpevole -, purchè sia accertato che quei fatti hanno causato la crisi dell’unione.

Pertanto, la violazione del dovere di fedeltà, intesa come impegno di non tradire il rapporto di dedizione fisica e spirituale tra i coniugi e di non tradire anche la fiducia reciproca (v.sentenza Cassazione civile 18.09.97 n.9287), può essere motivo dell’addebito della separazione solo quando sia stata causa determinante della frattura del rapporto coniugale.

Tuttavia, talvolta si arriva alla separazione giudiziale dopo che già i coniugi si sono separati di fatto, situazione che si verifica sia quando i coniugi stabiliscono di comune accordo di far cessare la convivenza sia quando uno dei due lascia l’abitazione familiare e l’altro accetta o tollera la decisione - la separazione di fatto differisce dall’ingiustificato abbandono della residenza familiare, disciplinato dall’art.146 cod.civ., che è caratterizzato dalla mancanza di accordo o di tolleranza da parte dell’altro -.

Pertanto, ci si chiede se, in simili circostanze, si può addebitare la separazione al coniuge che, dopo essersi separato di fatto dalla moglie o dal marito, abbia iniziato a convivere con altro partner.

Secondo la giurisprudenza (v.sentenza Cassazione civile 13.07.01 n.9515), il coniuge che abbia iniziato a convivere con altra persona dopo essersi separato di fatto dall’altro non può essere considerato responsabile del fallimento della vita matrimoniale, perché manca il nesso di causalità tra la violazione del dovere di fedeltà e l’intollerabilità della prosecuzione della convivenza coniugale.

 

Erminia Acri

Avvocato

<

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Separazione, aborto e consultori familiari
Limiti al mantenimento di figli maggiorenni.
Paternità naturale
Diritto di visita del genitore non affidatario.
Quesiti legali- Tradimento e separazione dei coniugi.
Scambio di messaggi romantici via Internet ed infedeltà coniugale.
Figli maggiorenni: cessa l’obbligo di mantenimento ?
Acquisti personali e comunione legale.
Unioni di fatto e accordi di convivenza.
Separazione dei coniugi e riappacificazione.
Nozze senza convivenza ed assegno di mantenimento.
Figli maggiorenni: mantenimento sine die?
Assegno di maternità
La nuova mediazione civile e gli obblighi di informazione dell’avvocato.
Conto corrente cointestato e convivenza.
Diritto al mantenimento del proprio cognome nell’adozione
Il riconoscimento di un figlio nato al di fuori del matrimonio
Addebito della separazione e rapporti sessuali.
Il cognome del figlio naturale
Gli effetti del matrimonio annullato
DELLO STESSO AUTORE
Quesiti legali - Parentela, affinità e famiglia di fatto
Quesiti legali- Segnaletica stradale e precedenza.
Locazione ad uso commerciale e riscaldamento.
Quesiti legali-Persone con disabilità e parcheggio in area condominiale.
Diritto al mantenimento del proprio cognome nell’adozione
Addobbi natalizi e condominio.
Quesiti legali- Contratti di manutenzione ascensore di lunga durata.
Quesiti legali-Videocitofono e condominio.
Trasferimento di unità immobiliare
Il ruolo del socio accomandante nelle s.a.s.
Quesiti legali- Assegno e prescrizione.
Quesiti legali-Se il regolamento di condominio non viene rispettato....
Quesiti legali - Chi paga le spese condominiali?
Quesiti legali-L’adulterio è un reato?
Quesiti legali - Un genitore ha il dovere di mantenere figlio maggiorenne e nipote?
Può, il costruttore, nominare l’amministratore?
Quesiti legali-Cassette postali e condominio.
Quesiti legali-Spese straordinarie e locazione.
Quesiti legali-Danni da caduta di albero e locazione.
Quesiti legali-Quando il portone condominiale è rotto...
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di là del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e là - Curiosità
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunità e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione