HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
La sete.
di Redazione La Strada  ( info@lastradaweb.it )

22 luglio 2018



Un approfondimento sui meccanismi fisiologici della sete e sull'importanza che riveste l'acqua.


 

 L’uomo nasce nell’acqua e, nel grembo materno, si sviluppa nell’acqua; è costituito per la maggior parte di acqua, ne beve durante la sua vita 50.000 litri e ne utilizza per altri motivi indispensabili al suo benessere, quantità 300-400 volte superiori. Per questo, da sempre, I’acqua ha affascinato l’uomo, come testimoniano la sua importanza nella storia ed i riferimenti ad essa in ogni religione; all’acqua sono dedicati i primi versetti della Bibbia: <<....e lo spirito di Dio aleggiava sulle acque>>.

La scienza moderna ha confermato e sempre più avvalorato l’importanza dell’acqua e dei sali minerali in essa contenuti, per la qualità della vita dell’uomo.

Ricordiamone i motivi principali:

L’ACQUA NEL CORPO

L’acqua costituisce la maggior parte del peso corporeo dell’uomo. Nell’adulto infatti rappresenta mediamente il 60% del peso, suddiviso in acqua intracellulare (cioè dell’interno delle cellule: pari al 45% del peso corporeo) ed extracellulare (che comprende l’acqua che circola nei vasi sanguigni e linfatici e quella che si trova negli spazi tra una cellula e l’altra). Il contenuto d’acqua è percentualmente maggiore nel bambino e nel neonato rispetto all’adulto e nell’adulto rispetto all’anziano.

L’ACQUA E IL CALORE

L’acqua, per le sue particolari caratteristiche, è indispensabile per mantenere il più possibile costante la temperatura del nostro corpo, difendendola da eccessivi aumenti quando la tempertura esterna è elevata o quando aurmentano le combustioni organiche interne per febbre o attività fisica; il "raffreddamento" invece si determina mediante l’evaporazione dell’acqua contenuta nel sudore: da ciò la buona norma di bere quando si suda, per disporre di nuova acqua necessaria a mantenere costante la temperatura del nostro corpo (processo di termoregolazione).

L’ACQUA E LA CHlMICA DLLL’ORGANISMO

L’acqua è indispensabile allo svolgimento di tutte le reazioni biochimiche che avvengono nel nostro organismo, quali la digestione, l’assorbimento degli alimenti e l’attività muscolare.

L’ACQUA COME VEICOLO

L’acqua è il mezzo di trasporto mediante il quale i sali e le molecole organiche raggiungono i vari organi che ne hanno bisogno; l’acqua contenuta nelle urine è il mezzo per eliminare i prodotti del metabolismo non più utili (le cosiddette scorie metaboliche); è bene ricordare che da, questo punto di vista non ha importanza il sudore, la cui evaporazione, come detto, serve soltanto a ridurre la temperatura corporea.

ENTRATA E USCITA D’ACQUA

L’acqua ha un circuito continuo nel nostro corpo; la maggior parte di essa è eliminata con le urine e, per evaporazione, attraverso i polmoni e la pelle. La quantità di tale perdita varia da individuo a individuo in rapporto all’ età, al peso, all’alimentazione, all’attività fisica, alla temperatura esterna e interna, ecc.

E’ stato calcolato che in un giorno si possono perdere anche due litri e mezzo di acqua.

E’ assolutamente indispensabile quindi reintrodurne altrettanta tra acqua come tale e quella contenuta nei vari cibi. L’equilibrio tra entrate e uscite è alla base del nostro benessere, perchè l’uomo ha bisogno di mantenere costanti, per quantità e contenuto di minerali, i liquidi distribuiti nei vari settori dell’organismo.

LA SETE E LA GIUSTA IDRATAZIONE

Alla sensazione del bisogno di introdurre acqua che dà luogo alla ricerca di essa fino all’atto di bere, si dà il nome di "sete". La sensazione di sete è governata da un "centro" posto nell’ipotalamo (una zona del cervello); esistono nel nostro organismo recettori capaci di quantificare l’acqua presente nei diversi compartimenti dell’organismo anche in rapporto al contenuto di sali minerali. Per esempio, quando si mangiano cibi molto salati senza bere adeguate quantità di acqua, aumenta la concentrazione salina dei liquidi che circondano le cellule le quali, per limitare tale aumento, cedono una parte della loro acqua disidratandosi; questa situazione viene registrata da un "recettore" e trasmessa al centro della sete, il quale analizza le informazioni ricevute da tutti i recettori e invia messaggi di bere o smettere di bere.

La sete può essere distinta in "primitiva" e "secondaria."

La primitiva si verifica in risposta ad una mancanza fisiologica di liquidi. Essa compare quando la perdita di liquidi è di circa l’11% del peso corporeo: se tale perdita non è compensata cominciano ad insorgere stanchezza, senso di oppressione, irritabilità; se la perdita aumenta ulteriormente compaiono nausea, confusione mentale e, per livelli molto elevati, disturbi circolatori e insufficienza renale.

In realtà, nei paesi ad alto livello sociale come il nostro, questa sete "primitiva" è piuttosto rara.

E’ più frequente la sete che abbiamo in rapporto ai pasti, esempio tipico di sete "secondaria" ovvero "anticipatrice o preprandiale". Questa sete non è indotta da un’effettiva necessità di acqua al momento ma cerca di prevenirla, il che, in definitiva, ci protegge dalla comparsa della sete primitiva. Al di fuori dei pasti è consigliabile che l’apporto di acqua sia distribuito lungo tutta la giornata, indipendentemente dal senso di sete. Questo serve a conservare una riserva idrica ideale utile a contrastare talune patologie, quali le calcolosi renali, e sufficiente a compensare impreviste perdite di acqua evitando così l’affaticamento causato, come già detto, da una disidratazione anche modesta.

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
La qualitą della vita dei pazienti affetti da linfedema.
L’importanza di un’alimentazione corretta per le future mamme
Le malattie del Terzo Millennio: la Sindrome del vento del deserto
I contaminanti alimentari.
Allarme LIPOBAY - Non diffondiamo il panico!
L’alimentazione Umana.
L’alimentazione ideale...
Gli additivi alimentari.
L’idratazione nell’attivitą sportiva.
La Psiconeuroimmunologia: un mondo nelle tue mani!
Acqua minerale e acqua potabile.
Il colpo di calore.
Cure odontoiatriche...
Il fumo di sigaretta.
L’importanza dell’acqua per i bambini.
Aterosclerosi.
La manipolazione vertebrale.
L’importanza dell’acqua per l’essere umano.
Il calendario del check up per le donne.
La Medicina del terzo millennio: stato dell’arte.
DELLO STESSO AUTORE
Segnalazioni Autovelox in provincia di Cosenza.
Giovanni Agnelli - non č vero che tutto ha un prezzo...
Anonimo - Dio, l’uomo... e la Donna.
Da Una Donna per le Donne
Il giorno della memoria.
Il carcerato.
Aristotele - La dignitą...
Ralph Waldo Emerson - Gli occhi interiori.
Confucio - Pensare ed eseguire...
Martin Luther King - Quello che non sappiamo fare...
Maria L. Spaziani - Occasioni perdute...
I templari.
Peperoncino Jazz festival.
Albert Einstein - Per non morire.Dentro.
B. Russel - Contro la presunzione...
Paola Nicotera - L’invisibile
Epicuro - La salute dell’anima.
Benjamin Franklin - Guerra e pace...
Wolfgang Goethe - Realtą e mondo interiore
Spending Review.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lą del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lą - Curiositą
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunitą e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione