HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Condomini consumatori.
di Erminia Acri  ( erminia.acri@lastradaweb.it )

17 dicembre 2006

I condomini possono avviare le proprie liti giudiziarie nel luogo dove ha sede il condominio.


Il nostro legislatore ha predisposto una serie di norme che tutelano il consumatore, in particolare vietando le cosiddette clausole vessatorie, ossia quelle clausole che determinano a carico del consumatore un significativo squilibrio dei diritti e degli obblighi derivanti dal contratto.

I contratti di riferimento sono quelli che hanno ad oggetto la cessione di beni o la prestazione di servizi; le parti del contratto sono: il consumatore ed il professionista.

Il consumatore è la persona fisica che acquista beni o servizi per scopi estranei all’attività imprenditoriale o professionale eventualmente svolta. Il professionista è la persona fisica o giuridica, pubblica o privata, che, nell’ambito della sua attività imprenditoriale o professionale, utilizza il contratto sopra descritto.

Tra le clausole che si presumono vessatorie rientrano quelle che stabiliscono come sede delle controversie giudiziarie un luogo diverso da quello di residenza o domicilio elettivo del consumatore (art. 1469 bis comma 3 , n. 19 cod.civ.). Sull’interpretazione di questa disposizione è intervenuta la Corte di Cassazione (sentenza n.14669/2003), chiarendo che essa va intesa nel senso che, nelle controversie tra consumatore e professionista, è competente per territorio esclusivamente il giudice del luogo della sede o del domicilio elettivo del consumatore; sicché è da ritenere vessatoria la clausola che individui come sede del foro competente una diversa località, anche se si tratti di uno dei fori già previsti dal codice di procedura civile.

Tale norma, come precisato dalla Corte, avendo natura processuale, si applica alle cause iniziate dopo la sua entrata in vigore, anche se relative a controversie derivanti da contratti stipulati in epoca precedente.

Pertanto, grazie a questa importante sentenza, i condomini, i quali hanno lo status di consumatori, potranno avviare le proprie battaglie giudiziarie davanti al giudice del luogo dove ha sede il condominio, evitando i costi eccessivi che comportava il dover instaurare un giudizio lontano dalla propria città.


Erminia Acri-Avvocato

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Notifica di atti indirizzati al condominio.
Spese condominiali controverse.
Detenzione animali in condominio.
Rinunzia all’uso dell’impianto centrale di riscaldamento.
Crediti condominiali e prescrizione.
La ripartizione delle spese nella manutenzione del tetto.
Assegnazione posti auto nel cortile comune.
Caminetto e condominio.
Crollo dell’edificio e responsabilitÓ dell’amministratore
Poteri dell’amministratore condominiale.
Elementi strutturali dell’edificio condominiale.
Conto corrente del condominio.
InvaliditÓ delle delibere condominiali.
Costruzione di balconi o terrazzi negli appartamenti.
Grane condominiali - ResponsabilitÓ penale dell’amministratore
Tende da sole e condominio.
Autogestire il condominio.
Equa riparazione per un processo troppo lungo.
Canna fumaria e condominio.
Detenzione di animali negli edifici condominiali
DELLO STESSO AUTORE
Il ruolo del socio accomandante nelle s.a.s.
Assegnazione posti auto nel cortile comune.
La patente di guida vale come documento di riconoscimento.
Requisiti per iscriversi all’ordine dei giornalisti
Quesiti legali-L’adulterio Ŕ un reato?
Lesioni da caduta e risarcimento danni
Quesiti legali - Chi paga le spese condominiali?
Quesiti legali- Contratti di manutenzione ascensore di lunga durata.
Crediti condominiali e prescrizione.
LibertÓ di "parabolica" in condominio
Quesiti legali-Cambiali scadute non pagate.
Quesiti legali-Cassette postali e condominio.
Indennizzo per infortunio sul lavoro o malattia professionale.
Cosa fare quando l’inquilino non se ne va?
La ripartizione delle spese nella manutenzione del tetto.
Estinzione dell’obbligo di mantenimento del figlio maggiorenne.
Locazione commerciale: recesso anticipato dell’inquilino.
Revoca dell’amministratore di condominio.
Installazione tende da sole in edificio condominiale.
Quesiti legali- Segnaletica stradale e precedenza.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di lÓ del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e lÓ - CuriositÓ
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
ComunitÓ e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n░ 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione