HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
W l’Italia!
di Mariano Marchese  ( marianomarchese1@gmail.com )

15 ottobre 2003

Sul palcoscenico del teatro Italia si consuma l'ennesima replica dello spettacolo "separati in casa" per la sapiente regia di Umberto Bossi. Lo spettacolo è incentrato sull'enorme divario che esiste tra un nord, sempre più proiettato verso il pianeta Europa, e un sud allo sbaraglio che vede in Masaniello l'ultimo baluardo prima del baratro senza ritorno. La vicenda narra la storia di un popolo che non riesce a riconoscersi, nei fatti, in quell'unitù proclamata nel lontano 1871; la coreografia è molto bella perché curata dalla famosa artista "madre natura" che si è prodotta in un lodevole sforzo per realizzare meravigliosi paesaggi di bucolica memoria che, nel corso della rappresentazione, degradano sempre di più fino ad apparire quasi senza forma per opera della mano dell'uomo, che molto "sapientemente", ha provveduto a distruggere piuttosto che a preservare. Ma procediamo con ordine, la vicenda si snoda sul sentiero di una storia che si perde nella notte dei tempi, quando un popolo, quello dei gloriosi romani, aveva realizzato un impero ove riuscivano a convivere più culture, sebbene in un'armonia a dir poco forzata, per arrivare, dopo aver sfogliato le pagine del libro di una storia fatta di alti e bassi, fino ai giorni nostri per evidenziare come non solo quell'impero si sia disgregato tra bagordi, gozzovigli, tradimenti e inerzia ma che, addirittura, quello stesso popolo che, nel frattempo ha cambiato denominazione chiamandosi Italiano, non riesca più a trovare la sua unità di pensiero pur se avvolti dalla stessa bandiera... PER CONTINUARE LA LETTURA, CLICCARE SUL TITOLO



...La vicenda narra di come questo popolo abbia avuto anche nella disgrazia, rappresentata dalle dominazioni straniere, vicende diverse che hanno inciso profondamente gli animi dei protagonisti dando vita ad una separazione culturale che ha dato la sua genesi a quell’enorme divario di pensiero che attualmente separa tristemente il nord dal sud; da una parte, infatti, lottare per ottenere risultati concreti è stata ed è la parola d’ordine di una vita fatta di lavoro e operosità, dall’altra piangere lamentosamente nella rassegnazione più bieca è stato il credo di quanti hanno accettato supinamente la commiserazione dei propri governanti che, nel corso degli anni si sono prodotti in opere assistenzialistiche che altro non hanno dato se non arricchimento di qualcuno e povertà e degrado per i più. Questa triste vicenda è stata liberamente tratta da un’opera di notevole successo dal titolo "la storia", che viene continuamente aggiornata nel corso delle sue richiestissime ristampe. Vorremmo, speranzosi, che la prossima replica di quest’opera teatrale potesse essere arricchita nei suoi contenuti, magari rimaneggiata nella sua stessa essenza, ma ci rendiamo conto che dovrebbe essere realizzata un’altra, ciclopica, opera a cui ispirarsi per poterla portare in scena....le menti non mancano, allora, perché non metterci tutti al lavoro, quantomeno, solo per tentare di scrivere un’appendice che infonda positività e speranza da poter aggiungere alla prossima ristampa? Chi ben comincia è a metà dell’opera e allora, forza... tutti al lavoro!

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Scusate il ritardo.
Bullismo e contrapposizioni culturali.
La dignità calpestata.
Giustizia che trasforma.
Cose nostre...
In barba al profeta (e a Gesù sulla croce).
Una rotta da invertire...
Ricchezza effimera.
Giù la testa?
(Ri)prenditi l’anima!
Mi calo e basta. La vita è tutta qui!
Liberare la libertà.
Danni di guerra.
8 Marzo, gioie e dolori!
... E guardiamo avanti, nonostante tutto.
Lamerica.
Il colore della libertà.
Indulto o inganno?
La giustezza della norma...
Venti di guerra - I conflitti del Medio Oriente
DELLO STESSO AUTORE
Spigolature di fine anno...
Guardarsi dentro...
A proposito di terrorismo...
...E Tre !
Terra di Calabria...
Il Pensare e la Libertà.
Ricchezza effimera.
Chi voterò...
Il male di vivere
Scorie meridionali...
La nuova provincia.
Come è difficile vivere bene!
Mondo pallone!
Innamoramento e Amore
Il paese dei balocchi.
Speriamo nelle colombe!
I Diritti Umani
Un uomo di bianco vestito...
Calcio e follia.
Bush Vs Saddam.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di là del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e là - Curiosità
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunità e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa
Una vita controvento.

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione