HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Quesiti - Le ossessioni.
di Giorgio Marchese  ( direttore@lastradaweb.it )

2 ottobre 2017


Come mai, a volte, capita di "sentirsi costretti" a fare o a pensare qualcosa anche contro la nostra volontà?


Come mai, a volte, provo un irrefrenabile impulso che mi porta a cercare di ricordare episodi del passato fin nel dettaglio, gettandomi nello sconforto dal momento che non ci riesco?

Posso fare qualcosa per curarmi?

Nel frattempo, cosa mi consiglia per stare meglio?

G. I.

Quello a cui si riferisce, appartiene ai disturbi che vanno sotto il nome di idee ossessive. In pratica, non si può fare meno di pensare a certe cose, in un certo modo (numeri, episodi di vita, nomi di persone, etc.), o il vivere delle esigenze "anomale" (il riproporsi mentale di una melodia insistente, il dover contare tutti gli alberi di un viale, etc.).

Non è una patologia (perché non ci riferiamo a gravi manifestazioni presenti in quadri psicotici) ma, paradossalmente, un sistema di protezione che, a livello inconsapevole, mettiamo in atto per evitare di concentrarci su problematiche che, evidentemente, non siamo in grado di affrontare e dalle quali cerchiamo di fuggire. I disturbi di questo tipo si classificano in ossessioni, quando si è costretti a pensare a qualcosa in maniera autocoercitiva e in compulsioni, quando si è costretti a compiere qualche azione o gesto contro la propria volontà consapevole (rientrano in questo quadro, anche i tic nervosi e molti gesti scaramantici incoercibili).

Si possono attenuare mediante l’assunzione di blandi ansiolitici che riducono la tensione prodotta ma, per risolvere il problema, è indispensabile affrontare le motivazioni che stanno a monte (carenze di sviluppo della personalità che producono insicurezze e paure celate dietro questi sintomi), con l’aiuto di uno psicoterapeuta.

Nel suo caso specifico, a riprova di quanto ho appena esposto, posso aggiungere ancora quanto segue:

  • Per quanto lei si voglia sforzare, non è possibile richiamare dalla memoria una sequenza di eventi che rappresentino esattamente un accadimento del passato, perché noi archiviamo le esperienze, trasformandole in ricordi, in maniera del tutto personale, in base alle emozioni del momento, dando risalto ad un particolare intorno al quale facciamo ruotare il resto... anche se, nella realtà, oggettivamente, le cose sono andate diversamente.
  • Dal momento che, a volte, il bisogno di visualizzare tracce mnemoniche di eventi specifici, rappresenta un sintomo ossessivo necessario a distogliere l’attenzione da qualche preoccupazione "preponderante", se la ricerca andasse a buon fine verrebbe meno la motivazione per cui abbiamo prodotto il disturbo ossessivo.

È possibile che il problema le si acuisca quando il suo livello di tensione conseguente ad un numero di frustrazioni non più sopportabili diviene eccessivo, per cui bisogna scaricare la quota aggressiva negativa, magari con attività fisica o "sfogandosi" con qualcuno (magari senza esagerare perché altrimenti, gli altri, la "mollano") e riattivare la neutrergia (razionalità "fredda" e "lucida") che, salendo nella postazione di comando, riprende a gestire l’attività del mondo inconsapevole e "annulla" il bisogno di produrre quei disturbi fastidiosi.

 

G. M. - Medico Psicoterapeuta (10 aprile 2013)

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Quesiti - Genio si nasce?
Come si tengono a bada le idee scorrette...
Come si gode una vacanza?
Ansia acuta e cronica...
Quesiti - Banche e accesso al credito...
Vigilanza, attenzione, concentrazione e riflessione.
Ansia...
Quesiti - Gorghi e ingorghi mentali.
Quesiti - Tre metri sopra il cielo...
Quesiti - Il tradimento.
Quesiti - Identità e scelte sessuali: facciamo chiarezza.
Perché non riusciamo a rilassarci?
Quesiti - Emozioni intestinali.
Quando la tecnologia fa male ai ragazzi.
Depressione e attacchi di panico.
Quesiti - A proposito di coppia...
Il carattere - 1°
Quesiti - Gli errori di valutazione in relazione al tempo e allo spazio.
Quesiti - La psicoterapia
Il carattere - 2
DELLO STESSO AUTORE
Vivere...
Il Pensiero e la coscienza di sé.
Tessuto Nervoso.
Il nostro cervello...
Ricomincia ogni giorno...
Il presuntuoso negativo.
Il Male oscuro?
La forza della vita.
La sofferenza.
Come si rinnova l’amore?
L’angoscia esistenziale.
La biochimica delle emozioni.
A come Amore.
Ansia e disturbi di panico.
Il mondo delle emozioni.
Perdersi, per poi ritrovarsi.
Il Rispetto....
Neuroni e Nevroglia.
Telefono Amico e Counseling solidale.
Il Counseling....
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di là del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e là - Curiosità
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunità e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione