HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Allarme ’fermo auto’
di Erminia Acri  ( erminia.acri@lastradaweb.it )

10 settembre 2003

Come funziona questo meccanismo e quando è possibile contestarne la legittimità?


Da qualche mese una pioggia di fermi amministrativi disposti dagli enti di riscossione dei tributi sta creando gravi disagi sia agli automobilisti sia all’ACI.

Nel caso di mancato pagamento di imposte, in base al decreto legislativo n.193 del 2001, la società incaricata della riscossione dei tributi, trascorsi 60 giorni dalla notificazione della cartella di pagamento, può provvedere al fermo del veicolo del contribuente ordinando al PRA (Pubblico Registro Automobilistico) di trascrivere il provvedimento ed informandone il contribuente moroso.

Il fermo amministrativo comporta la perdita delle garanzie assicurative ed il rischio, in caso di uso del veicolo, di dover pagare una somma da € 312,97 a € 1.251,89, a titolo di sanzione amministrativa, oltre al trasporto del veicolo in un deposito autorizzato, con spese di trasporto e custodia a carico del proprietario.

L’auto può essere ’’liberata’pagando l’importo dovuto, a seguito del quale l’ente di riscossione provvederà alla revoca del fermo, ed il contribuente potrà ottenere, quindi, la cancellazione del provvedimento presso il PRA, esibendo il provvedimento di revoca e la ricevuta di pagamento, e pagando le spese relative all’iscrizione ed alla cancellazione del fermo. Tutto ciò comporta il passaggio da un ufficio all’altro con notevole impiego di tempo.

In quali casi ci si può opporre al provvedimento di fermo?

Secondo molti operatori del diritto, il ricorso al fermo è abusivo ed illegittimo sotto diversi aspetti, innanzitutto perchè non è stato ancora emanato il regolamento di attuazione che dovrebbe stabilire le modalità, i termini e le procedure per l’utilizzo di questo strumento.

Tuttavia, per valutare l’opportunità di contestare il provvedimento, occorre controllare:

- se sono state rispettate le norme che prevedono il contenuto della cartella esattoriale e le modalità di notifica;

- gli elementi sulla base dei quali e’ stata disposta l’iscrizione a ruolo;

- l’indicazione specifica di tutte le somme di cui è richiesto il pagamento.

Laddove, invece, il fermo sia stato disposto per errore -caso purtroppo frequente!-, perchè il tributo è già stato pagato oppure c’è stato un provvedimento di sospensione o di sgravio, è sufficiente che il destinatario del provvedimento ne faccia comunicazione all’ente di riscossione e quest’ultimo dovrà provvedere alla cancellazione del provvedimento.

Erminia Acri-Avvocato

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
L’immissione in ruolo degli Insegnanti di Religione Cattolica
Il diritto alla cancellazione del soggetto protestato
Quando la bolletta Telecom è troppo salata....
Allarme blackout elettrici
Dichiarazione dei redditi e canoni di locazione
Attenti all’uso del telefono aziendale!
La ’busta’ era vuota!
Contratto di locazione e aggiornamento Istat.
Smarrimento libretti di risparmio e
I debiti di gioco devono essere pagati?
Cosa fare quando l’inquilino non se ne va?
Contratto di locazione e cauzione
Settore alimentare e frodi in commercio
L’usucapione dei beni immobili
Buche nelle strade
Condono anche per le multe!
Gruppi di imprese e riforma del diritto societario
Infrazioni stradali ed autovelox.
Il diritto di petizione al Parlamento Europeo
Contravvenzioni e cartelle pazze
DELLO STESSO AUTORE
Il ruolo del socio accomandante nelle s.a.s.
La patente di guida vale come documento di riconoscimento.
Lesioni da caduta e risarcimento danni
Quesiti legali - Chi paga le spese condominiali?
Quesiti legali-L’adulterio è un reato?
Assegnazione posti auto nel cortile comune.
Libertà di "parabolica" in condominio
Requisiti per iscriversi all’ordine dei giornalisti
Cosa fare quando l’inquilino non se ne va?
La "guida con ciabatte".....
Quesiti legali-Cassette postali e condominio.
Rapporto fra genitori e figli nel diritto di famiglia
Installazione tende da sole in edificio condominiale.
Revoca dell’amministratore di condominio.
Costruzione di balconi o terrazzi negli appartamenti.
Diritto al mantenimento del proprio cognome nell’adozione
Quesiti legali-Se il regolamento di condominio non viene rispettato....
Lampeggio dei fari abbaglianti.
La ripartizione delle spese nella manutenzione del tetto.
Estinzione dell’obbligo di mantenimento del figlio maggiorenne.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di là del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e là - Curiosità
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunità e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa

PROPRIETARIO Neverland Scarl
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione