HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Cosa fare quando l’inquilino non se ne va?
di Erminia Acri  ( erminia.acri@lastradaweb.it )

16 gennaio 2004

Vediamo quale iter deve seguire il proprietario di un'abitazione data in locazione, per rientrare in possesso del proprio appartamento.


Il contratto di locazione si rinnova automaticamente alla scadenza se una delle parti non recede.

Il proprietario può recedere dal contratto comunicando la cosiddetta. disdetta all’inquilino, con lettera raccomandata, almeno 6 mesi prima della scadenza (se si tratta di locazione ad uso abitativo).

Alla prima scadenza il proprietario può esercitare la facoltà di disdetta soltanto in determinati casi - come la necessità di destinare l’appartamento ad uso proprio o di suoi familiari o di effettuare lavori edilizi incompatibili con la presenza del conduttore- ed ove rientri in possesso del bene, anche a seguito di azione legale, e non lo adibisca all’uso indicato nella disdetta, rischia di dover risarcire i danni all’inquilino, se non addirittura di subire il ripristino del rapporto di locazione.

Alla seconda scadenza, invece, il contratto può essere disdettato dal proprietario senza necessità di motivazione, e quindi per finita locazione.

La disdetta, però, se è necessaria per impedire il rinnovo del contratto, può non essere sufficiente a far rientrare il proprietario nel possesso del bene....se l’inquilino non se ne va con le proprie gambe! In questo caso - purtroppo non raro - il proprietario può avviare la pratica di licenza per finita locazione - se il contratto è ancora in corso -, oppure di sfratto per finita locazione - dopo la scadenza - in modo da ottenere un provvedimento (convalida) che ha valore di titolo esecutivo, cioè consente di ottenere forzosamente il rilascio dell’immobile tramite ufficiale giudiziario.

Le procedure di licenza e di sfratto per finita locazione, in presenza dei presupposti di legge, si concludono in tempi brevi se l’inquilino non si oppone. Se l’inquilino si oppone e, quindi, il giudice non convalida la licenza o lo sfratto, ma dispone la prosecuzione del procedimento, prende avvio un processo al termine del quale sarà stabilito se il contratto deve intendersi finito oppure debba proseguire.

Ottenuto il provvedimento con cui il giudice ordina all’inquilino di rilasciare l’appartamento, se l’inquilino persiste nel non ’mollare’ l’immobile, occorre dare inizio alla fase esecutiva, in cui l’ufficiale giudiziario eseguirà materialmente lo sfratto avvalendosi, se necessario, della forza pubblica.

Erminia Acri-Avvocato

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Dichiarazione dei redditi e canoni di locazione
Il diritto di petizione al Parlamento Europeo
Contratto di locazione e aggiornamento Istat.
Contravvenzioni e cartelle pazze
Smarrimento libretti di risparmio e
Allarme blackout elettrici
I debiti di gioco devono essere pagati?
Settore alimentare e frodi in commercio
Il consenso informato in Medicina
Quando la bolletta Telecom è troppo salata....
Il diritto alla cancellazione del soggetto protestato
Attenti all’uso del telefono aziendale!
L’usucapione dei beni immobili
L’Ordinamento Giuridico e l’Espiazione della Pena.
Gruppi di imprese e riforma del diritto societario
Condono anche per le multe!
Buche nelle strade
L’immissione in ruolo degli Insegnanti di Religione Cattolica
Allarme ’fermo auto’
Infrazioni stradali ed autovelox.
DELLO STESSO AUTORE
Quesiti legali-L’adulterio è un reato?
Quesiti legali- Segnaletica stradale e precedenza.
Quesiti legali - Parentela, affinità e famiglia di fatto
Quesiti legali - Chi paga le spese condominiali?
Quesiti legali- Contratti di manutenzione ascensore di lunga durata.
Assegnazione posti auto nel cortile comune.
Rapporto fra genitori e figli nel diritto di famiglia
Quesiti legali-Compatibilità tra guida e psicofarmaci.
Il ruolo del socio accomandante nelle s.a.s.
Diritto al mantenimento del proprio cognome nell’adozione
Quesiti legali-Persone con disabilità e parcheggio in area condominiale.
Quesiti legali-Se il regolamento di condominio non viene rispettato....
Quesiti legali-Quando un figlio maggiorenne convive more uxorio....
Quesiti legali- Invalidità civile e attività lavorativa.
Quesiti legali-Danni al cancello condominiale.
Quesiti legali-Cassette postali e condominio.
Quesiti legali-Spese straordinarie e locazione.
Quesiti legali - Cambio di abitazione o di residenza.
Una domenica ’lavorativa’
Titolo di studio estero.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di là del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e là - Curiosità
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunità e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione