HOME - GLI AUTORI - LE SEZIONI - VIDEO - LINK
 

Inviaci un tuo articolo

Partecipa anche tu !
Scrivi un articolo

   Cerca nel nostro archivio:
Nessuna scadenza per l’assegno di divorzio.
di Erminia Acri  ( erminia.acri@lastradaweb.it )

4 febbraio 2003

Una recente sentenza della Corte di Cassazione ha stabilito che il coniuge divorziato può richiedere l'assegno anche dopo anni dalla fine del matrimonio.


La legge sul divorzio (L.898/70) prevede la possibilità di attribuzione dell’assegno di divorzio al coniuge che non abbia redditi adeguati a consentirgli un tenore di vita analogo a quello avuto durante il matrimonio, qualora vi sia disparità di condizioni economiche tra i coniugi al momento della pronuncia di divorzio. Inoltre, consente la revisione dell’assegno, successivamente, se subentrano ’giustificati motivi’, ossia mutamenti delle condizioni economiche di uno o di entrambi gli ex coniugi.

La Corte di Cassazione, con sentenza n° 13860 del 24.09.2002, ribadendo un orientamento già espresso in altre occasioni, ha statuito che il diritto a chiedere l’assegno divorzile non ha scadenza, e può essere invocato anche dall’ex coniuge che, dopo anni dalla cessazione degli effetti civili del matrimonio, si trovi in una condizione economica diversa da quella in cui era al momento del divorzio.

Nel caso esaminato dalla Corte, dopo cinque anni dalla sentenza di divorzio, è stato posto a carico dell’ex marito un assegno di mantenimento, a favore dell’ex moglie che non ne aveva fatto richiesta al momento della pronuncia di divorzio, ma, avendo, successivamente, perso il lavoro per cause non dipendenti da lei, aveva perso anche l’autonomia economica.

La decisione trova spiegazione nell’applicabilità della norma di cui all’art. 9 della legge n. 898 del 1970 -che consente la revisione dell’assegno divorzile per sopravvenienza di giustificati motivi- anche al caso in cui l’assegno sia stato originariamente negato o non sia stato oggetto di richiesta al momento della pronuncia di scioglimento o di cassazione degli effetti civili del matrimonio, onde è consentito al coniuge divorziato di richiedere, successivamente alla pronucia di divorzio ed in relazione alla suddetta norma, la determinazione dell’assegno precedentemente non fissato, in presenza di variazioni delle situazioni patrimoniali.

Erminia Acri-Avvocato

SERVIZI
Home
Stampa questo lavoro
(per una stampa ottimale si consiglia di utilizzare Internet Explorer)

Segnala questo articolo
Introduci il tuo nome:
Introduci email destinatario:

STESSA CATEGORIA
Rottura del fidanzamento e restituzione dei regali
Limiti al mantenimento di figli maggiorenni.
Unioni civili e regole ereditarie.
Assegno di divorzio e nuova convivenza.
Assegnazione casa coniugale e separazione dei coniugi.
A chi tocca la casa familiare?
Separazione dei coniugi e assegno di mantenimento.
E’ modificabile l’assegno di divorzio?
Assegnazione della casa coniugale e comodato.
Matrimonio di minori
Estinzione dell’obbligo di mantenimento del figlio maggiorenne.
Quesiti legali-Contratti e bisogni della famiglia.
Gli effetti del matrimonio annullato
Separazione e pensione di reversibilità.
Addebito della separazione e rapporti sessuali.
Che cosa è la famiglia di fatto?
L’addebitabilità della separazione.
Violazione dell’obbligo di convivenza e addebito della separazione.
Separazione e casa coniugale.
Matrimonio e unioni di fatto.
DELLO STESSO AUTORE
Quesiti legali- Segnaletica stradale e precedenza.
Quesiti legali - Parentela, affinità e famiglia di fatto
Quesiti legali- Contratti di manutenzione ascensore di lunga durata.
Quesiti legali - Un genitore ha il dovere di mantenere figlio maggiorenne e nipote?
Quesiti legali-L’adulterio è un reato?
Requisiti per iscriversi all’ordine dei giornalisti
Quesiti legali - Chi paga le spese condominiali?
Quesiti legali-Danni al cancello condominiale.
Può, il costruttore, nominare l’amministratore?
Quesiti legali-Se il regolamento di condominio non viene rispettato....
Quesiti legali-Persone con disabilità e parcheggio in area condominiale.
Quesiti legali-Cassette postali e condominio.
Quesiti legali-Cambiali scadute non pagate.
Diritto al mantenimento del proprio cognome nell’adozione
Quesiti legali-Compatibilità tra guida e psicofarmaci.
Quesiti legali-Spese straordinarie e locazione.
Indennizzo per infortunio sul lavoro o malattia professionale.
Quesiti legali- Assegno e prescrizione.
Non è in colpa la moglie che non segue il marito.
La ripartizione delle spese nella manutenzione del tetto.
ARCHIVIO ARTICOLI
Rubriche
Settore Legale
Medicina, Psicologia, Neuroscienze e Counseling
Scienza & Medicina
Emozioni del mattino - Poesie
Economia, Finanza e Risorse Umane
Cultura
Parli la lingua? - DIZIONARI ON LINE
Proverbi e Aforismi
Al di là del muro! - Epistole dal carcere
Editoriali
Organizza il tuo tempo
PROGETTO SCUOLA
La Finestra sul cortile - Opinioni, racconti, sensazioni...
Legislazione su Internet
Psicologia della comunicazione
La voce dei Lettori .
Filosofia & Pedagogia
Motori
Spulciando qua e là - Curiosità
Amianto - Ieri, oggi, domani
MUSICA
Il mondo dei sapori
Spazio consumatori
Comunità e Diritto
Vorrei Vederci Chiaro!
News - Comunicati Stampa

PROPRIETARIO Neverland Scarl
ISSN 2385-0876
Iscrizione Reg. Stampa (Trib. Cosenza ) n° 653 - 08.09.2000
Redazione via Puccini, 100 87040 Castrolibero(CS)
Tel. 0984852234 - Fax 0984854707
Direttore responsabile: Dr. Giorgio Marchese
Hosting fornito da: Aruba spa, p.zza Garibaldi 8, 52010 - Soci (Ar)
Tutti i diritti riservati


Statistiche Visite
Webmaster: Alessandro Granata


Neverland Scarl - Corso di formazione